Vita da disoccupata (#4)

computer-1295358_640 (1)

Lo so, tendo ad essere monotematica. Fino a novembre nel mio blog parlavo soltanto di tesi, relatori e università, adesso non faccio altro che parlare di lavoro, o meglio, della mancanza di un lavoro.
Purtroppo, però, la mia mente è al momento focalizzata solo su questo.

Poi, appena avrò trovato un lavoro (prima o poi succederà, vero?), comincerò a parlare della mancanza di tempo libero, dell’insoddisfazione, ecc…insomma, non preoccupatevi, qualcosa di cui lamentarmi lo trovo sempre.

Comunque, oggi sono andata a fare un altro colloquio. Dall’annuncio sembrava una cosa interessante ed effettivamente il ruolo che ricoprirei lo sarebbe anche, peccato per tutto il resto: stage di 40 ore a settimana, 300 euro di rimborso spese, prospettive di assunzione alla fine dello stage pari allo 0,01 %. Insomma, una merda!

Mi hanno anche fatto mille domande approfondite sulle mie esperienze lavorative passate e sulle mie competenze…cioè, mi “paghi” 300 euro e pretendi anche che sia super competente?!

Questa storia dei tirocini mi sta facendo davvero arrabbiare. Allora, fare un tirocinio gratis durante l’università ci può anche stare, ovviamente devi insegnarmi qualcosa sul serio e non mettermi a fare le fotocopie o rispondere al telefono tutto il giorno, però okay.
Dopo l’università però no, non ci può stare. E 300 euro al mese non sono uno stipendio, sono soltanto una presa per i fondelli!

Che poi magari uno deve anche trasferirsi in un’altra città per fare lo stage e quei 300 euro non gli bastano neanche per l’affitto.

E un’altra cosa che non ci può stare è continuare ad assumere tirocinanti uno dopo l’altro semplicemente per sfruttare forza lavoro praticamente gratis invece che assumere un lavoratore con un contratto vero. E tutte queste finte agevolazioni per entrare nel mondo del lavoro tipo Garanzia Giovani non fanno altro che alimentare questa cosa.

Per chi non lo sapesse, Garanzia Giovani è quel programma che consente alle aziende di assumere tirocinanti spendendo cifre ridicole, tipo 200 euro al mese (o forse anche meno) perché il resto dei soldi li mette la Regione. Peccato che in tutto al tirocinante vengano dati 500 euro circa al mese per un lavoro full time.

Con tutto questo io non voglio dire che un giovane senza esperienza debba cominciare a lavorare e pretendere subito uno stipendio di 1.500 euro. È normale che uno all’inizio debba fare almeno un po’ di gavetta e che lo stipendio non possa essere subito alto…ma tra uno stipendio da 1.500 euro e 300 miseri euro c’è una bella differenza. E, soprattutto, la gavetta non può durare una vita intera!

Vabbè, so di non aver certo scoperto l’acqua calda, ma finché queste cose le leggi sui giornali o le senti dire in giro è una cosa, quando ti ci ritrovi dentro anche tu è molto diverso.

Quando inizi ad esserci dentro tutti quei discorsi del tipo “il lavoro c’è, manca la voglia”, “i giovani di oggi sono viziati e choosy”, “pretendono chissà cosa solo perché hanno un pezzo di carta”, “ai miei tempi…”, ecc iniziano a farti girare veramente le scatole!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...