riflessioni

Goditi questi anni, sono i migliori

boys-3286364_640 (1)

Stamattina in treno un gruppetto di ragazze di circa 15 anni si è seduto vicino a me. Io stavo leggendo, ma quando hanno cominciato a parlare mi sono ritrovata ad ascoltare la loro conversazione, che mi sembrava di gran lunga più interessante del mio libro.

Una di loro stava dicendo che il ragazzo a cui andava dietro da anni si era messo insieme a una ragazza e non faceva altro che postare su Facebook foto di loro due insieme. Le sue amiche, invece, cercavano di tirarla su di morale facendo battute poco carine sulla ragazza in questione e dicendole che un giorno avrebbe trovato il ragazzo giusto.

I miei 15 anni sono ormai passati da un pezzo ma ricordo ancora benissimo tutte le paranoie che mi facevo sui ragazzi e su qualsiasi altra cosa.

Ricordo che odiavo ogni singola parte del mio corpo e mi ritrovavo spesso a piangere guardandomi allo specchio.

Ricordo tutte le creme anti-cellulite e brucia-grassi che convincevo mia mamma a comprarmi e quanto mi disperavo quando non vedevo alcun risultato.

Ricordo i nomi di tutti i ragazzi per i quali mi sono presa delle mega cotte e i mille film mentali che mi facevo, senza avere mai il coraggio di dichiararmi.

Ricordo di quando pensavo che sarei rimasta per sempre da sola e che nessuno avrebbe mai voluto stare con me perché ero troppo brutta.

E molte altre cose ancora.

Mi verrebbe da dire di essere stata l’adolescente più paranoica e depressa di questo mondo, ma credo che ognuno di noi sia in fondo convinto di esserlo stato.

Ricordo anche di tutte quelle volte in cui qualche conoscente dei miei genitori mi guardava con un pizzico di invidia ed esclamava “Che giovane che sei. Goditi questi anni, sono i migliori!” e io dentro di me pensavo “Se questi sono i migliori allora siamo messi proprio male…”.

Adesso, invece, capisco cosa volevano dire quelle persone. Non invidiavano la mia adolescenza o la mia età in sé. Invidiavano il mio corpo ancora giovane, tutto il tempo e le possibilità che avevo ancora davanti a me, la mia mancanza di responsabilità e di vincoli. Quando mi guardavano non sognavano davvero di tornare ad essere adolescenti, sognavano soltanto di tornare ad essere giovani e spensierati e di poter ricominciare tutto da capo.

Ed è quello che invidio anche io adesso alle 15enni che vedo in giro. Le guardo e penso a come sarebbe bello poter fare un incantesimo e risvegliarmi domani nel passato, nel mio corpo da 15enne, mantenendo però tutti i ricordi e le consapevolezze che ho adesso.

Immagino come sarebbe bello affrontare di nuovo la scuola, gli amici e l’amore senza le paranoie da adolescente.

Mi immagino mentre mi guardo allo specchio e penso “Cavolo, non ricordavo di essere mai stata così magra”.

Mi immagino mentre esamino la mia pelle cercando la cellulite che in realtà non c’è e butto via tutte quelle stupide creme.

Mi immagino mentre guardo i ragazzi che a 15 anni crediamo essere dei super fighi e cerco di non ridere pensando a come finiranno una volta adulti.

Mi immagino mentre smetto di aver paura di rimanere sola perché adesso so che la bellezza è data principalmente dalla nostra sicurezza e che anche chi è bello può rimanere solo.

Peccato che tornare indietro non si può e peccato che dire queste cose a un adolescente di oggi sarebbe inutile perché ci deve arrivare da solo a capirle, col tempo, quando sarà troppo tardi per cambiare ciò che è già stato.

Se ci fosse il tasto “rewind” sarebbe tutto più semplice.

Peccato che non c’è.

 

 

Annunci

7 pensieri riguardo “Goditi questi anni, sono i migliori”

  1. Non credo che essere adolescenti, al giorno d’oggi, sarebbe un grande affare: la tecnologia – o, meglio, l’abuso che se ne fa – ha rovinato irrimediabilmente i rapporti personali, senza contare la continua diatriba maschilisti/femministe, una confusione sessuale che fa sentire tutti LGBT anche quando non lo sono e confini geografici che, ormai, non hanno più alcun valore di salvaguardia dell’identità nazionale.

    Mi piace

    1. Personalmente non ho una visione negativa degli adolescenti di oggi. Sono diversi rispetto a come ero io, sicuramente, ma non per forza in modo negativo. Secondo me la tecnologia ha semplicemente cambiato i rapporti: oggi puoi tenerti facilmente in contatto con persone che si trasferiscono dall’altra parte del mondo, prima di Internet invece era molto difficile; la diatriba maschilisti/femministi nasce perché le donne sono state per anni svantaggiate rispetto agli uomini e adesso finalmente questa cosa inizia a cambiare; la confusione sessuale c’è perché finora c’è stata soltanto tanta chiusura mentale ma sono sicura che presto si evolverà in semplice accettazione di qualsiasi orientamento sessuale. Posso chiederti per curiosità quanti anni hai? 🙂

      Mi piace

      1. Ti dirò, mi considero una persona tendenzialmente pessimista, però nonostante questo credo che il periodo storico in cui viviamo non sia poi tanto peggio di altri. Ha i suoi lati negativi e i suoi lati positivi. Lo stesso vale per i nativi digitali, hanno le loro fortune e le loro sfortune. Vedremo come andrà in futuro per loro!

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...