Solo pigrizia o qualcosa di più?

sunset-3156176_640

Da qualche mese non sto bene. La mattina faccio fatica ad alzarmi dal letto, mi sento spesso triste, rimugino su cose successe nel passato e mi chiedo che senso abbia la mia vita.

Ci sono delle giornate in cui per qualche strano motivo mi riattivo e mi sento carica e motivata: faccio progetti per il futuro, mi dico “andrà tutto bene”, mi sento invincibile…ma poi, dopo poco, ricompare la negatività.

Ho già sofferto di depressione in passato e sono stata in cura da una psicoterapeuta per quasi due anni. Però quella volta era diverso. Stavo male ogni singolo giorno e non facevo altro che piangere, adesso invece non è così. Mi sento sfiduciata e giù di morale, ma non piango mai e riesco a funzionare quasi come una persona normale.
Non riesco a capire se è solo l’inizio di qualcosa di peggiore oppure se è solo una fase che passerà.

L’ultima volta che sono stata a casa dalla mia famiglia, mia mamma mi ha consigliato di andare di nuovo da uno psicologo, ma io non sono sicura di volerlo fare, soprattutto per una questione economica.

Andare da uno psicologo mi costerebbe tanti soldi e, dato che al momento le mie risorse sono limitate, non sono sicura di voler spendere quei soldi in terapia. Continuo a dirmi “Magari è solo un periodo che passerà da sé e non vale la pena spendere soldi in terapia, alla fine non stai così male”.

Però le settimane passano e anche se non sto così male, sto abbastanza male da non riuscire a fare tutto quello che vorrei nelle mie giornate.

Il problema più grande è che qualsiasi piccolo impegno che ho mi sembra un macigno enorme e ogni piccolo inconveniente della vita mi sembra una tragedia.

Ieri, per esempio, dovevo andare ad un corso di formazione a cui mi ero iscritta qualche settimana fa e che mi interessava davvero…eppure, sono stata due giorni a pensare “Oddio, domani devo fare questa cosa, non vedo l’ora che sia finita”. Alla fine al corso ci sono andata e mi è anche piaciuto, ma odio il fatto di dovermi sentire sempre così in ansia e svogliata ogni volta che devo fare qualcosa. Anche perché se mi sento in questo modo quando devo affrontare qualcosa di piacevole che scelgo io di fare, potete immaginare come mi sento quando invece devo affrontare qualcosa di spiacevole e obbligatorio.

Mi sono anche chiesta se la mia possa essere solo pigrizia. Però, mi domando, una persona pigra si sente anche spesso sfiduciata e triste? Un persona pigra si sente in colpa quando non fa le cose? Oppure non le fa e basta senza preoccuparsi di niente?

L’altro problema è che continuo a rimuginare sulle scelte che ho fatto in passato. È diventata quasi un’ossessione. Continuo a pensare a tutti gli sbagli che ho fatto: in amicizia, in amore, nella scelta dell’università, nel lavoro. E poi penso a tutte quelle cose che avrei voluto fare ma che non ho fatto per paura, per vergogna, per mancanza di coraggio e che adesso, per un motivo o per un altro, non posso più fare.

Continuo a pensare che soltanto cambiando tutte queste cose nel passato potrei davvero essere felice e siccome è impossibile farlo, non sarò mai felice.

E non importa quanto io legga o senta dire che bisogna concentrarsi sul presente e lasciare andare il passato. Lo so bene e sono d’accordo, ma non riesco a farlo.
Ci provo, ma poi puntualmente i miei pensieri tornano su avvenimenti passati e ricomincio a tormentarmi sul fatto che non posso cambiarli.

È come se una parte di me si rifiutasse di cominciare a sentirsi felice e realizzata adesso soltanto perché in passato non lo è stata. Come un capriccio da bambini.

Forse tutto questo è dovuto al fatto che ho troppo tempo per pensare e farmi paranoie, magari non appena troverò un lavoro non avrò più tempo per riflettere sulla mia vita e smetterò di stare male. Ma non so se è una soluzione efficace. Credo che le persone davvero felici lo siano anche quando non hanno nessun impegno e nessuna cosa da fare.

Insomma, volevo scendere definitivamente giù dalle nuvole, ma adesso che mi sento in questo modo mi viene solo voglia di rifugiarmi di nuovo nella mia fantasia per non affrontare la realtà.

18 pensieri su “Solo pigrizia o qualcosa di più?

  1. In questo periodo anche io mi sento un po’ cosi, spesso sono di malumore, sempre stanca, proprio col sonno addosso… quando devo andare in clinica a tirocinio certe mattine o in palestra non ti dico che faticata 😩 il problema è alzarsi e andare, perché poi una volta che sto lì faccio ciò che devo e con impegno, senza problemi… mmmma 😰

    Piace a 1 persona

    1. Credo che nel tuo caso sia più che altro una questione di stanchezza fisica, magari non dormi abbastanza ore o fai mille cose?
      Io più che sentirmi stanca sento che non mi va proprio di affrontare la giornata, per questo inizio a preoccuparmi che sia qualcosa di più serio :\

      "Mi piace"

      1. Non lo so 😦 a volte succede anche a me, di non voler fare nulla… Sicuramente non ho un sonno ristoratore, però cavolo dormirei pure sul tavolo mentre pranzo (premetto che non sono incinta xD)… più che altro è brutto quando devo fare una cosa ed è una tragedia perché non mi va 😩…

        Piace a 1 persona

      2. sì infatti…anche per me è una tragedia ogni volta che devo fare qualcosa! La cosa più assurda è che spesso sono cose divertenti che ho scelto io di fare, ma poi quando arriva il momento di farle davvero non mi va :\

        "Mi piace"

  2. Sembra che sia ansia più che pigrizia. Per me è così. Alcuni periodi mi accompagna costantemente, altre volte mi lascia vivere. Quando è sempre con me, mi stanca ,molto. Mi rende tutto difficile e mi fa passare la voglia di fare qualsiasi cosa .

    Piace a 2 people

      1. Ma non so se è più adatto , penso che sia un percorso più veloce e più economico. Per come la vedo io l’ansia non è un problema grave , e una consulenza con un counselor magari basta già per imparare a gestirla. Poi è sempre molto soggettivo.

        Piace a 1 persona

  3. Judith

    Io, come ti è stato già detto, temo che quella da te descritta sia una sorta di subdola ansia. Io mi sento così da che ho memoria. Non stai male… non stai abbastanza male eppure non sei mai al 100%. Ogni cosa è uno scoglio. Io ho solo imparato a fare lo stesso tutto ciò che devo fare (anche se faccio tutto terrorizzata faccio tutto). Ma I sintomi sono simili eppure la tua ansia è un pò diversa.. forse la tua mente sta facendo bilanci e i risultati non soddisfano. Così hai un tarlo che ti rode una vocina che ti si è arrivata in testa e che ogni istante ti ribadisce che forse non sei esattamente dove avresti voluto essere, Che forse avresti potuto fare di meglio, che forse, che forse… Così lentamente ti struggi e scoraggi… e ti sale l’ansia per tutto ciò che devi fare.

    Piace a 2 people

  4. Pingback: 5 momenti di felicità (#13) – Scendo dalle nuvole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...